Cdm impugna legge lombarda sulle moschee, ennesimo passo falso

0

Il Consiglio dei Ministri, capitanato da Renzi, ha impugnato la legge della Regione Lombardia sulle moschee. La motivazione? “Alcune disposizioni al fine di regolamentare la realizzazione di luoghi di culto e di attrezzature religiose nel territorio regionale – si legge nel comunicato diffuso dalla Presidenza del Consiglio – impongono agli enti rappresentanti di organizzazioni religiose una serie di stringenti obblighi e requisiti che incidono sull’esercizio in concreto del diritto fondamentale e inviolabile della libertà religiosa”.

Una decisione, quella dell’esecutivo, che stride con la situazione italiana. Specialmente all’indomani del feroce delitto che ha sconvolto Terni e delle stragi in mare che affollano le prime pagine dei giornali.

La legge impugnata aveva definito i termini e i criteri per la realizzazione di nuove attrezzature religiose sul territorio regionale al fine di prevenire lo sviluppo indiscriminato dei luoghi di culto. Una legge, dunque, che non andava a discriminare la religione islamica ma a porre un freno e a valutare, di caso in caso, l’effettiva buona fede e l’effettiva matrice religiosa (non integralista) dei luoghi di culto.
Il finto buonismo e l’ipocrisia ‘sinistra’ colpiscono ancora. E l’esecutivo, ‘ducistico’, non ha fatto altro che strumentalizzare una legge.
Renzi e il suo governo, probabilmente, vogliono continuare a vivere in un’Italia senza regole e senza controlli, aperta a immigrati, profughi, clandestini e (a volte) anche assassini. Noi no.

Share Button

Leave A Reply