Il collasso di Roma

0

de Il Mal Destro –

Un’attenta analisi sullo stato di Roma e sul suo più ampio significato a livello nazionale: è questo il senso dell’ottimo articolo di Massimo Franco dalle colonne de Il Corriere della Sera.

Una Città al collasso, devastata da corruzione ed inefficienza figlie di scelte politiche ed amministrative sbagliate e clientelari che si perpetuano da decenni, inchiodata da oltre due anni dalla negazione del primo, fondamentale diritto democratico: se le cose non vanno, siano i cittadini a ristabilire il giudizio.

Il commissariamento, seguito alla ignobile gestione del caso Marino da parte del Partito Democratico, non sta facendo altro che ampliare e moltiplicare gli effetti più negativi della “non gestione” della cosa pubblica.

Dice Massimo Franco: Si tratta di un’implosione che può anche essere classificata come figlia di una riemergente questione morale. A patto che moralità e onestà siano intese nel significato di competenza, efficienza, trasparenza. Sta diventando sempre più chiaro, infatti, che alla base degli scandali c’è in primo luogo un’economia dell’inefficienza funzionale alla corruzione. E c’è una selezione a rovescio della classe dirigente: la vera «professionalità» è il dilettantismo. Gli eletti sommano all’impreparazione di chi non è stato scelto secondo criteri professionali, i difetti della vecchia politica in termini di privilegi grandi e piccoli, meccanismi di promozione, rapporti torbidi con il sottobosco economico. Il risultato è un coacervo di micro-interessi che si pongono come generali, frenando qualunque proposito di buona amministrazione. La difficoltà, almeno finora, a trovare candidati a sindaco per le amministrative di primavera è la conferma di meccanismi non solo distorti ma difficili da correggere.”

Roma è la sfida che intendiamo perseguire, in un centrodestra unito in grado di proporre una candidatura a Sindaco capace e credibile, con una “squadra” di persone competenti e capaci, con il risveglio della società civile e di tante persone “perbene” che sono ancora in grado di mettersi alla prova.

Share Button

Leave A Reply