Il PD – Partito degli Onesti – e Renzi

0

de il Mal Destro –

Rottamatori, intellettuali ed onesti. E’ questo il PD che Renzi ci propina in ogni momento da qualsiasi televisione visibile. E allora vediamo la rassegna stampa degli iltimi per capire meglio.

 Il miracolo del Job Acts: “L’ISTAT ha rilevato che a ottobre il tasso dei senza lavoro è sceso all’11,5%. Sono però aumentati gli inattivi e diminuiti gli occupati, con l’eccezione degli over 50. Nel terzo trimestre il Pil è salito dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2014, meno della precedente stima. La previsione del governo, che stima per l’intero anno un +0,9%, si allontana”.

La buona amministrazione:In Sicilia la società che gestisce la rete e i servizi online è in debito per 114 milioni di euro con Engineering. Che per convincere a farsi pagare ha deciso di spegnere il server centrale. L’amministratore ed ex pm Antonio Ingroia: “Atto illegittimo””.

La buona amministrazione 2:Bracciano, sciolto il Comune a guida PD. Nel frattempo la Procura di Civitavecchia sta indagando sulla regolarità di appalti pubblici. Nei fatti ci sono diverse questioni scottanti che hanno dato bei grattacapo all’amministrazione in questi ultimi tempi, a cominciare da alcune presunte irregolarità sul bando di affidamento della gestione delle farmacie comunali e ancora alla gestione della discarica di Cupinoro e presunte attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.”

Il rottamatore :”L’anno scorso se l’era evitata. Ma quest’anno Renzi ha detto sì. Appuntamento al Tempio di Adriano, in pieno centro a Roma. Stavolta il libro si chiama ‘Donne d’Italia’. L’autore è sempre lui: Bruno Vespa. Per vent’anni e con cadenza annuale ha battezzato i suoi volumi con Silvio Berlusconi, più o meno sempre lì al Tempio di Adriano e sempre tra novembre e dicembre. Erano appuntamenti di show e battute, mettevano il punto mediatico sull’anno passato e andavano a capo. Adesso inizia la nuova saga: quella di Renzi, che per la prima volta presenta il libro di Vespa da presidente del Consiglio. Insomma, se c’è pure il timbro di Vespa è ufficiale: un ciclo si è chiuso, un altro se n’è aperto”

La Buona Scuola:Da Roma a Torino, da Milano a Genova. Oggi il mondo della scuola è sceso in piazza per lo sciopero indetto da Cobas, Unicobas, Anief e Cub. «Contro gerarchie e scuola azienda, la buona scuola è quella che resiste!», è lo slogan della giornata. «Crediamo sia giunto il momento di riunire tutti i soggetti che sono determinati a opporsi con forza alla deriva che la scuola pubblica sta subendo nel nostro Paese”, è l’appello. “

L’Italia riparte: “L’Italia è terra di conquiste e oltre la metà delle spa quotate tricolori è in mani straniere: gli investitori esteri superano per la prima volta il 50% di possesso del made in Italy di Piazza Affari.”

Per oggi basta così, vi siete fatti un’idea ?

Share Button

Leave A Reply