Che non sia la vittoria di Pirro

0

de Il Mal Destro –

Passata l’euforia di una vittoria netta e indiscutibile, l’analisi a freddo del voto di domenica ci induce a qualche considerazione più profonda.

Che gli Italiani abbiano detto di NO a questo governo Renzi, alla sua protervia, ad una politica solo enunciata ma vuota nei fatti, a false riforme fatte male e peggio enunciate, al tentativo di privare il popolo del suo diritto di voto sono tutti fatti incontrovertibili.

Nel contempo, gli Italiani sono affluiti in maniera dirompente alle urne, per testimoniare la voglia di cambiamento e, soprattutto, per dire alla politica che è finito il tempo dell’ammuina e delle false promesse.

Perchè questa non sia la vottoria di Pirro, il centrodestra è chiamato – senza esitazione – a ritrovare la sua centralità nel panorama politico italiano ripartendo da un programma serio e dettagliato, con al centro soluzioni, idee e valori per “cambiare” finalmente lo stato delle cose in merito a:

  • lavoro, tassazione, equità fiscale e sviluppo per dare un futuro alla nostra Nazione ed alle generazioni future
  • Sicurezza, lotta all’immigrazione clandestina, giustizia e certezza della pena per ridare dignità all’Italia e garantire ai suoi cittadini quei diritti sanciti dalla Costituzione che volevano stravolgere
  • riordino delle Istituzioni e riduzione dei costi della politica, federalismo intelligente, armonizzazione dei poteri tra Stato e Regioni, elezione diretta del Capo dello Stato per ridare slancio al nostro Paese e fiducia in una politica finalmente rinnovata
  • Europa e ruolo e poteri dell’Italia in un contesto monetraio, finanziario e fiscale che non hanno più il senso della realtà e che non possono essere un “peso” ma un volano ed un’opportunbità di sviluppo e futuro

E se per raggiungere questo obiettivo il centradestra deve passare per le “primarie” – necessarie ad identificare il proprio ledaer – ben vengano, con un ruolo importante ed imprescindibile per quanti fino ad ora ne sono stati il motore ma che accettino la voglia e la necessità del cambiamento, mettendosi al servizio di volti nuovi e di un progetto vincente.

Share Button

Leave A Reply